Incontro del 29 febbraio – Riforma degli inquadramenti

Bandiere

 

L’incontro odierno ha consentito ulteriori acquisizioni:

1) La Banca ha accettato, senza replicare, la dichiarazione a verbale delle scriventi in tema di avanzamenti da Coadiutore a Coadiutore Principale alla fascia 3 (ex F2^) dell’Area Manageriale: – presupposto per la sottoscrizione dell’accordo è il rispetto dell’impegno assunto dalla Banca di mettere a disposizione, nel triennio 2017-2019, con cadenza annuale, una percentuale di posti “non inferiore” rispetto alla media di quelle previste nel triennio 2014-2016-.

2) Per il concorso riservato ai dipendenti con almeno 5 anni di anzianità di Banca, per l’accesso alla fascia 4 dell’Area Manageriale, la Banca si è formalmente impegnata a prevedere una percentuale di posti disponibili “adeguata e costante”, con cadenza annuale.

3) Sarà prevista la dichiarazione di disponibilità anche per i dipendenti incaricati di sostituire il Capo Divisione, in aggiunta a quella già acquisita nel caso di incarico per sostituto dell’Unità di base.

4) Coadiutori Principali e Operai di 1^ super:

  a. con dec. 1/1/2017, per i dipendenti che hanno già maturato 10 scatti pesanti (Coad. Princ.) e sono inquadrati a scatto leggero (AIS) o 12 scatti pesanti (Operai di 1^ super) e sono inquadrati a scatto leggero, sarà ricalcolata la retribuzione con un adeguamento pari alla differenza tra 2 scatti pesanti e 2 scatti leggeri;

  b. con dec. 1/1/2017 per i dipendenti che non hanno ancora maturato i 10 scatti pesanti (Coad. Princ.), o 12 scatti pesanti (Operaio di 1^ super) saranno previsti ulteriori 2 scatti pesanti oltre i 10 per i Coadiutori Principali o i 12 per gli Operai di 1^ super;

  c. per i dipendenti che avanzeranno a Coadiutore Principale con dec. 1/1/2016, saranno riconosciuti 12 scatti pesanti anziché 10, ovvero 14 scatti pesanti anziché 12 per i dipendenti che avanzassero a Operio di 1^ super.

5) Se.ge.Si. da reinquadrare, con dec. 1/1/2018, nel grado di Assistente: il reinquadramento sarà previsto solo se il dipendente dichiarerà disponibilità.
Il principio della volontarietà sarà valido anche nei confronti dei colleghi che aderiranno all’ampliamento nel corso del 2016 e matureranno il diritto all’inquadramento al grado di Assistente dopo 3 anni.

6) Centralinisti ipovedenti: sarà consentita l’assegnazione a mansioni diverse solo se espressamente richiesto dai dipendenti interessati.

7) Previdenza Complementare: l’incontro per definizione della destinazione alla previdenza complementare di quanto accantonato (0,9% massa salariale 2013), sarà oggetto di definitivo confronto entro il mese di aprile 2016.

8) Percentuali di avanzamento a Coadiutore Principale tecnico per le sessioni del 2017-2018-2019: dal 10% all’11% annuale.

9) STC: le parti concordano di effettuare, quanto prima, un incontro sulle problematiche delle Filiali specializzate nel trattamento del contante.

10) Servizio BAN.

Avvio nel corso del 2016, di un negoziato per:

  a. definire interventi di natura contrattuale per favorire la razionalizzazione del processo produttivo (è stato cancellato il riferimento alla riduzione del costo delle banconote);

  b. definizione modalità più adeguate per consentire il passaggio al <>.

 

ESODO VOLONTARIO

(ivi compreso quello già previsto a fronte delle trasformazione in UST delle Filiali)

a) conferma di quanto già comunicato;

b) formale impegno della Banca: – in presenza di norme di legge che consentano di anticipare la decorrenza della liquidazione della pensione, la Banca metterà in pagamento il trattamento integrativo/sostitutivo a proprio carico alla prima decorrenza utile, integrando eventuali riduzioni della pensione obbligatoria connesse all’anticipata liquidazione della stessa, senza riduzione dell’aliquota di pensione.
In presenza di norme di legge che modifichino i requisiti in atto previsti per il conseguimento del diritto a pensione, la Banca corrisponderà un assegno di sostegno al reddito fino al raggiungimento del diritto -.

 

* * *

Nel corso del confronto odierno abbiamo riproposto, motivandolo con ampiezza di particolari, ivi compreso il riferimento a problematiche di ordine giuridico, la nostra rivendicazione intesa a prevedere, anche per le colleghe e i colleghi che supereranno la prova a coadiutore dopo il 2016, il colloquio per l’inquadramento alla 4^ fascia dell’Area Manageriale.

La Banca ha assunto una posizione di netta chiusura.

In sede di articolato non mancheremo di proseguire, con oggettive ragioni, ad incalzare la Banca.

 

* * *

Di seguito invieremo i testi dell’ipotesi di accordo da sottoporre al referendum aperto a tutte le colleghe e i colleghi della Carriere non Direttiva.

Un referendum che si terrà in data 11 marzo c.a..

Le scriventi, al fine di smentire affermazioni non rispondenti al vero, confermano che non hanno sottoscritto l’ipotesi in attesa dell’esito della consultazione referendaria.

 

* * *

Le scriventi ribadiscono che non hanno sottoscritto l’accordo per la Carriera Direttiva in quanto consegna alla Banca totale ARBITRIO e, al netto di “bonus” e “compensi non controllati e non controllabili”, riduce la progressione economica di tutti gli ex Funzionari di 2^, di 1^ e Primi Funzionari.

Roma, 29 febbraio 2016

LA SEGRETERIA NAZIONALE FISAC-CGIL
LA SEGRETERIA NAZIONALE UILCA-UIL
LA SEGRETERIA GENERALE FALBI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *