Incontro dell’11 febbraio

Bandiere

 

Nel corso dell’incontro odierno la Delegazione Aziendale ha esordito presentando una prima proposta, prontamente ritirata (quindi inutile da illustrare in questa sede) in quanto inaccettabile per le scriventi OO.SS., sia con riferimento alle previsioni economiche, sia a quelle normative.

Il Segretario Generale della Banca, al fine di conseguire l’obiettivo, indicato dalle scriventi, di non peggiorare, ma migliorare, la condizione dei colleghi appartenenti alle Carriere Operativa, Operaia e Se.Ge.Si., ha avanzato un’ulteriore proposta, pur confermando talune opportunità per le Carriere non direttive, come quella di una più rapida progressione legata al merito.

La nuova proposta avanzata dalla Banca andrà sviluppata nel corso del negoziato prima di poter esprimere una definitiva valutazione.

Sarà necessario tradurre i principi enunciati dal Segretario Generale in concrete opportunità e tutele per tutti i colleghi.

Al momento sono emerse le seguenti proposte da parte della Delegazione Aziendale:

• mantenimento degli scatti di anzianità vigenti (corrisposte a tutti con cadenza annuale);
• riconoscimento di un incentivo economico all’atto dell’entrata in vigore dell’accordo;
• possibilità di partecipare al concorso per l’accesso alla fascia 4 dell’area manageriale dopo 5 anni di permanenza nell’area operativa;
• reinquadramento nella Carriera Operativa per i Se.Ge.Si che hanno aderito all’ampiamento mansionistico;
• mantenimento dell’attuale sistema di valutazione;
• incremento del 20%, nel prossimo triennio, delle percentuali di avanzamento all’interno della Carriera non direttiva e contestuale aumento del numero di posti messi a concorso per l’alimentazione dell’area manageriale.

* * *

Per quanto concerne i Coadiutori e i Coadiutori Principali, la Banca ha confermato la proposta di opzione per l’inquadramento nella 4° fascia dell’aera manageriale: l’inquadramento avverrebbe a fronte dell’idoneità dei richiedenti riconosciuta, o meno, attraverso la partecipazione a un colloquio e contestuale verifica della conoscenza (B.1) della lingua inglese.

I Coadiutori e i Coadiutori Principali non dichiarati idonei, o quelli che non intendessero partecipare al colloquio, sarebbero confermati all’interno della Carriera Operativa, con revisione del piede stipendiale in linea con quello previsto per la fascia 4 dell’area manageriale e introduzione della possibilità di attribuzione di incarico di sostituzione del Titolare dell’unità con diritto a percepire una specifica indennità.

L’alimentazione al grado di Coadiutore avverrebbe con gli avanzamenti dall’interno.

Sarebbe, inoltre, confermato il concorso per l’avanzamento alla fascia 3 (ex F2).

Sulla proposta per i Coadiutori permangono le criticità già sottolineate precedentemente da Falbi – Fisac Cgil – Uilca: in particolare sull’incomprensibile previsione di accertamento delle conoscenze della lingua inglese, che presenta anche aspetti di evidente illegittimità.

* * *

Si palesa, con evidenza, la necessità di approfondire le proposte sopraindicate e di dare risposte concrete ed eque a ulteriori molteplici problematiche.

Il confronto ad oltranza riprenderà lunedì 15 febbraio p.v..

Roma, 11 febbraio 2016

LA SEGRETERIA NAZIONALE FISAC CGIL
LA SEGRETERIA NAZIONALE UILCA UIL
LA SEGRETERIA GENERALE FALBI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *