CSR – Assemblea straordinaria azionisti del 28 Aprile 2022

BILANCIO E MODIFICHE STATUTARIE

Il 28 aprile prossimo si svolgerà l’Assemblea straordinaria della CSR convocata per l’approvazione del bilancio di esercizio 2021 e per l’approvazione di alcune modifiche statutarie per tener conto, tra l’altro, del mutato quadro legislativo.

La Fisac CGIL si  rivolge a Tutte e a Tutti i colleghi, nella loro qualità di Soci della Cassa, senza inserirsi in alcun modo nelle polemiche che hanno preso vita in questi ultimi giorni, perché siamo fermamente convinti che l’interesse fondamentale di ciascuno di noi sia quello che il nostro Sodalizio venga gestito nel migliore dei modi con l’obiettivo del suo costante rafforzamento e sviluppo e che ciò non possa essere in alcun modo materia per speculazioni opportunistiche ma basarsi su dati reali.

Le modifiche presentate in Assemblea per il vaglio dei Soci sono il risultato di un lavoro ampio svolto da tutto il Consiglio di Amministrazione e durato diversi mesi. È anche importante ricordare, a nostro avviso, che hanno ricevuto, con ampia maggioranza, il voto favorevole e convinto dei componenti il CdA.

Il testo riflette pienamente anche il confronto costruttivo, ampio e franco svoltosi con l’Autorità di Vigilanza, la quale ha rilasciato il provvedimento di accertamento previsto dall’articolo 56 del TUB.

Non dimentichiamo che la Cassa rappresenta ormai tra le banche “meno significative” una delle realtà più grandi nel mondo delle banche popolari italiane.

Le modifiche principali dello Statuto scaturiscono dalla necessità di tener conto:

  • di alcuni interventi legislativi di rango primario (legge 106/2021) che ha disciplinato la circolazione delle azioni delle banche popolari in caso di morte del socio;
  • delle istruzioni di vigilanza della Banca d’Italia del luglio 2021 in materia di governo societario;
  • del Decreto del Ministro dell’Economia in materia di requisiti di onorabilità, indipendenza e professionalità degli esponenti aziendali.

Con l’occasione, si è provveduto a modificare lo statuto per:

  • chiarire i meccanismi di assegnazione dei seggi alle liste di minoranza e precisare i requisiti di ammissione a socio;
  • estendere (art. 3 dello Statuto) anche ai dipendenti degli enti e società funzionalmente collegate alla Banca d’Italia, che sono l’IVASS e la Sidief, l’accesso ad alcuni dei servizi di credito e a condizioni comunque diverse rispetto a quelle maggiormente preferenziali previste per i Soci.

L’intervento in questione:

  • mirerebbe ad allineare la base di riferimento degli impieghi a quella della raccolta dal momento che i dipendenti di queste due entità rientrano nel novero della clientela della Cassa;
  • non avrebbe alcun impatto sulla compagine sociale e conseguentemente sui diritti spettanti ai Soci.

Il Bilancio di esercizio 2021 è ampiamente positivo e i risultati ottenuti non possono rappresentare che un punto di partenza per continuare a lavorare al fine di rafforzare la Cassa e offrire servizi a condizioni sempre più favorevoli rispetto al contesto esterno. Si tratta di un processo complesso e sfidante alla luce dello scenario macroeconomico che si sta delineando alla luce anche del conflitto in corso.

Alla luce di quanto vi abbiamo appena esposto, appaiono quindi pretestuose e infondate le critiche avanzate da altre sigle sindacali circa l’impatto negativo sull’equilibrio della Cassa delle modifiche che vengono presentate in Assemblea per il vaglio dei Soci.

La Fisac CGIL è pertanto favorevole all’impianto sottoposto al voto e invita ad approvare il bilancio di esercizio 2021 e ad approvare altresì le modifiche statutarie proposte.

Al riguardo, vi ricordiamo che il voto potrà essere espresso con modalità elettronica fino alle ore 16.00 del 27 aprile 2022. In alternativa i Soci potranno invece votare con schede cartacee, anche a mezzo di delega, il giorno dell’Assemblea.

Roma, 11 aprile 2022

La Segreteria Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *