Incontro del 17 febbraio

Bandiere

 

SINTESI DELLE ACQUISIZIONI

È ’ proseguita, oggi, la trattativa a oltranza sulla riforma degli inquadramenti delle Carriere non Direttive.

Riportiamo, di seguito, le acquisizioni conseguite nel corso delle due giornate, precisando che siamo in attesa di ricevere – per la giornata di lunedì – i testi di un’eventuale ipotesi di accordo, che saranno esaminati con la delegazione aziendale presumibilmente nella giornata di mercoledì 24 p.v..

La bozza di accordo sarà sottoposta a Referendum tra tutti i colleghi delle Carriere non Direttive; l’eventuale sottoscrizione, qualora l’esito referendario fosse positivo, avverrebbe contestualmente a quella dell’accordo per la Carriera Direttiva, al fine di essere sottoposti, entrambi, al Consiglio Superiore nel mese di marzo.

Abbiamo conseguito l’obiettivo dell’eventuale contestuale firma degli accordi al fine di preservare l’unicità dei due comparti.

 

PARTE ECONOMICA

Conferma della cadenza annuale degli scatti (vigente sistema).

Attribuzione di un incentivo economico di reinquadramento pari a 1 scatto e ½, con “valenza strutturale” non riassorbibile e soggetto a tutti gli adeguamenti economici futuri. Misura analoga a quanto previsto per la Carriera Direttiva in quanto, a fronte della certezza della corresponsione dello scatto di anzianità dal 1° gennaio 2017 per le Carriere non Direttive, corrisponde la certezza della non conferma dello scatto del 1° gennaio 2017 per la Carriera Direttiva.

ADEGUAMENTO DEGLI SCATTI COSIDDETTI LEGGERI (A.I.S.) come di seguito:

Operatore: da € 482,10 a € 580,24

1° Operatore: da € 560,23 a € 580,24

Operaio di 3^: da € 482,10 a € 580,24

Operaio di 2^: da € 482,10 a € 580,24

V. Assistente: da € 482,10 a € 580,24

Assistente: da € 482,10 a € 580,24

Tali adeguamenti comporterebbero un incremento sostanziale della rivalutazione dell’anzianità di servizio a ogni avanzamento o promozione.

• Previsione, a favore dei Coadiutori Principali (amministrativi e tecnici) di un ulteriore scatto pesante in aggiunta a quelli vigenti (da 10 a 11).

• Determinazione di un intervento a favore dell’Operaio di 1^Super da definire al momento del confronto sul testo dell’ipotesi di accordo.

• Riconoscimento di un compenso mensile di € 150,00 a favore dei Coadiutori o Coadiutori Principali sostituti di Divisione o Referenti presso le UST.

 

CARRIERA OPERATIVA
Alimentata dall’esterno esclusivamente ai gradi di
Vice Assistente e Assistente

Gli attuali Coadiutori e Coadiutori Principali (amministrativi o tecnici) potranno essere inquadrati nella fascia 4 dell’Area Manageriale se opteranno per la partecipazione a un colloquio, con una Commissione, per la verifica dell’idoneità e della conoscenza della lingua inglese (B.1).

La verifica dell’idoneità riguarderebbe l’ambito lavorativo del candidato.

Il colloquio si svolgerebbe, con ogni probabilità, a partire dal mese di settembre 2016.

I candidati impossibilitati a partecipare al colloquio per oggettivi impedimenti (ad esempio maternità, malattia, ecc.) avrebbero diritto a sostenerlo in date successive compatibili con il rientro in servizio.

I partecipanti dichiarati non idonei sarebbero confermati nel grado di Coadiutore o Coadiutore Principale nell’ambito della Carriera Operativa (amministrativi e tecnici).

COADIUTORE (amministrativo e tecnico)

• Livello stipendiale Coadiutore: € 41.500,00 (ex € 39.582,26);

alimentazione esclusivamente dall’interno con prova integrativa;

• posti disponibili nel triennio 2017-2019;

   50 posti per ogni anno – Coadiutore amministrativo (51,5% in più rispetto al 2016)

   15 posti per ogni anno – Coadiutore tecnico (36,4% in più rispetto al 2016);

• conferma concorso annuale per promozione alla fascia 3 (ex F2^) dell’Area Manageriale.

ISTITUZIONE NUOVO GRADO DI ASSISTENTE SUPERIORE SENIOR

Livello stipendiale: € 39.500,00;

scatti di anzianità pesanti (AIG): n.10;

avanzamento da Assistente Superiore (amministrativo e tecnico): selezione per merito e titoli dopo 12 anni di anzianità nel grado di Assistente Superiore (amministrativo e tecnico);

• percentuali di avanzamento nel triennio:

   1° anno 12% degli scrutinabili;

   2° anno 10% degli scrutinabili;

   3° anno 10% degli scrutinabili;

• la selezione terrà in maggior considerazione il peso dell’anzianità maturata nel grado di provenienza.

L’istituzione del nuovo grado consentirebbe agli Assistenti Superiori, destinati dopo 12 anni a maturare esclusivamente scatti leggeri (AIS), di conseguire, dal momento dell’avanzamento ad Assistente Superiore Senior, scatti pesanti (AIG) per 10 anni.

 

AVANZAMENTO DA CARRIERA OPERATIVA ALLA FASCIA 4 DELL’AREA MANAGERIALE

• Gli addetti alla Carriera Operativa (amministrativi e tecnici), con almeno 5 anni di anzianità di servizio, potrebbero partecipare al concorso, indetto con cadenza annuale, per il passaggio alla fascia 4 dell’Area Manageriale;

• il concorso prevederebbe una prova scritta e una prova orale;

non sarebbero considerati i titoli e la valutazione.

 

AMBITI MANSIONISTICI

Conferma di quanto previsto dal sistema vigente.

La delegazione aziendale ha rinunciato alla proposta di estendere la disponibilità al maneggio valori a tutte le colleghe e i colleghi.

EX CARRIERA SE.GE.SI.

Riduzione da 10 a 8 anni dei tempi previsti per la scrutinabilità per il passaggio da Assistente ad Assistente Superiore, per i colleghi della Carriera Se.Ge.Si che sostennero il concorso straordinario per la promozione a Vice Assistente.

 

CARRIERA SE.GE.SI.

• I dipendenti addetti alla Carriera Se.Ge.Si. che hanno già aderito all’ampliamento mansionistico, saranno tutti inquadrati, a prescindere dal grado rivestito, al grado di Assistente, dall’1.1.2018;

• i dipendenti che non abbiano aderito all’ampliamento mansionistico avranno la possibilità di aderire per effetto dell’accordo e sarebbero inquadrati nel grado di Assistente dopo 3 anni dalla scelta;

avanzamenti – nel triennio 2017/2019 – ai gradi di Operatore Capo e Primo Capo Operatore: incremento, per ogni anno, del 30% della percentuale degli avanzamenti previsti nell’anno 2016.

 

CARRIERA OPERAIA

• Trasformazione della Carriera in “Profilo”.

Le caratteristiche e gli effetti di una siffatta scelta saranno oggetto di confronto negoziale tra le parti;

avanzamenti, nel triennio 2017/2019, da Operaio di 3^ a Operaio di 2^: 50% degli scrutinabili per ogni anno;

avanzamenti, nel triennio 2017/2019, da Operaio di 2^ a Operaio di 1^ e da Operaio di 1^ a Operaio di 1^super: incremento del 30% della percentuale degli avanzamenti previsti nell’anno 2016;

formalizzazione dell’impegno delle parti ad avviare, in tempi brevi, il confronto negoziale per il Servizio BAN sugli accordi negoziali e sulle prospettive evolutive.

 

RUOLO TECNICO

Trasformazione in “Profilo”: diritto del dipendente ad optare, volontariamente, per il collocamento nell’ambito del ruolo amministrativo;

• avanzamenti a Assistente Superiore Tecnico: incremento del 30% della percentuale degli avanzamenti prevista nell’anno 2016.

 

CONTRATTISTI

Impegno della Banca, immediatamente dopo la conclusione del negoziato sulla riforma degli inquadramenti, ad avviare un confronto per verificare la possibilità di inquadramento, nella pianta organica della Banca, di contrattisti che svolgono attività compatibili con quelle istituzionali.

 

MOBILITÀ

Ampliamento significativo dell’attuale limite di anzianità di servizio, (30 anni) per aderire a tutte le modalità di mobilità incentivata (es. trasferimenti in disponibilità, sia a tempo determinato, sia a tempo indeterminato).

Al momento l’ampliamento proposto è da 30 a 35 anni di anzianità.

 

PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Formalizzazione, nell’ambito dell’accordo negoziale, dell’impegno della Banca a convocare, nel corso della settimana successiva all’eventuale sottoscrizione, l’incontro per la definizione della destinazione dell’importo accantonato a favore della “Previdenza Complementare” (6 milioni di euro oltre agli interessi maturati al 31.12.2015).

 

FILIALI STC

Formalizzazione, nell’ambito dell’accordo negoziale, dell’impegno della Banca a convocare, con sollecitudine, l’incontro per il confronto sulle problematiche delle Filiali STC.

 

R.T.Q.

Contemporaneamente alla eventuale sottoscrizione dell’accordo negoziale, definizione delle modifiche da apportare all’art. 11.

 

ESODO VOLONTARIO

La delegazione aziendale non ha inteso accedere alle proposte di miglioramento avanzate dalle scriventi OO.SS..
Pertanto, sono confermate tutte le proposte avanzate dalla Banca sin dall’inizio del confronto.

Roma, 18 febbraio 2016

LA SEGRETERIA NAZIONALE FISAC-CGIL
LA SEGRETERIA NAZIONALE UILCA-UIL
LA SEGRETERIA GENERALE FALBI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *