1° Maggio 2020

Immagine

Quest’anno il 1° maggio sarà molto diverso da quelli a cui siamo stati abituati.

L’emergenza sanitaria che il paese sta affrontando ci impedirà di celebrare questa ricorrenza con le manifestazioni, i concerti, o semplicemente in una dimensione non strettamente domestica.

Questo ci addolora, ma NULLA toglie al 1° maggio in termini di importanza e di significato.

Continueremo a celebrare e a riconoscere l’impegno di tutti quei Lavoratori che, dall’agricoltura al sistema bancario, consentono il funzionamento del paese anche in una situazione di emergenza.

Continueremo a ricordare i Lavoratori morti sul lavoro, come – ma non solo – i medici e gli infermieri, oggi esaltati dall’opinione pubblica come “eroi”, in realtà trasformati in martiri da un Sistema Sanitario non sempre in grado di garantire la sicurezza e la salute dei Lavoratori.

Continueremo a stare vicini a quei Lavoratori angosciati, che il lavoro non ce l’hanno ancora, o non ce l’hanno più.

Questa è la Festa di tutti loro. Di tutti noi.

Viva il 1° maggio, viva i Lavoratori!

La Segreteria Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *