IL PONENTINO

BABBO NATALE E IL COMPLOTTO DELLA RIFORMA

Ieri mattina il piccolo Sibc si è presentato all’incontro sulla riforma delle carriere operative convinto che fosse la mattina di Natale e che, dalla parte opposta del tavolo, non vi fosse la Delegazione aziendale ma Babbo Natale con una nutrita schiera di elfi della Lapponia.

Aveva una bella letterina dei desideri, il piccolo Sibc, e pensava di essersi meritato che venissero esauditi: in fondo era stato sempre bravo con la Banca, perché era contro gli altri sindacati che si scagliava, ogni tanto la Cisl, sempre la Cgil, ultimamente la Falbi, occasionalmente chi si trova a tiro.

Insomma, aveva fatto il lavoro sporco, magari senza che gli fosse stato neanche chiesto.

Che brutto risveglio, per il piccolo Sibc, scoprire che sotto l’albero della riforma non c’erano magnifici doni, ma solo nero, polveroso (e inquinante) carbone!

Non l’ha presa bene, il piccolo Sibc. Ha iniziato a pestare i piedi, e alla fine ha trovato un colpevole per il suo fallimento: la Cgil.

Niente di nuovo, direte voi. Perché il Sibc è letteralmente ossessionato dalla Cgil (forse ci ama troppo, non corrisposto, chissà?).

E dopo aver sostenuto per anni la condizione “minoritaria” e di “irrilevanza” (parole loro) della Cgil, adesso scopriamo che sarebbe stato proprio quel sindacato, i rossi, i BOLSCEVICHI (oh, è un’ossessione!), dall’opposizione, a sabotare la riforma. Con un complotto, pardon un GOMBLODDO, orchestrato tra Mosca, Pyongyang e via Panisperna.

Quello che trascura, il piccolo Sibc (per la sua inesperienza, eh! mica per malafede), è che la Cgil, su questa riforma delle carriere, ha avuto una posizione chiara sin dall’inizio, e quella è rimasta.

Che l’aveva capito da subito, la Cgil, che la Banca aveva in mente tutt’altra riforma rispetto alla pioggia di soldini e promozioni che bramava il piccolo Sibc. È un diritto della Banca, avere una propria idea sulle carriere, così come è dovere di un sindacato impedire che venga fatto scempio dei diritti dei lavoratori.

E il Sibc, come ne esce fuori? Dopo essere stato per due anni al tavolo di maggioranza, potendo incidere sulla vita dei colleghi, ecco, dopo due anni, quali mirabolanti risultati può portare ai lavoratori?

Una manciata di Operai di 3 junior sottopagati.

C’è da temere che la befana non gli porti manco il carbone.

Bloody Mary Christmas

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *