Efficienza aziendale e Lump Sum – Divisioni delocalizzate di Vigilanza

BandiereCGILSi è svolto nella giornata di ieri un incontro di trattativa riguardante la misura legata al raggiungimento di obiettivi di produttività, qualità, efficienza ed efficacia per l’anno 2018 e le ricadute sul personale dell’ennesimo arretramento dal territorio, con la chiusura delle DDV di Udine, Vicenza e Cuneo.

EFFICIENZA AZIENDALE

Per quanto riguarda l’efficienza, la Banca ha ribadito che la misura sarà dell’1,6% della massa salariale. Ieri sono state enunciate un paio di novità:

  •  la prima sta nel fatto che la percentuale della “tassa annuale” a carico di tutto il personale per l’accantonamento a favore della “Lump Sum” nel 2018 sarà dello 0,3%; di conseguenza, ad oggi, la vera proposta dell’Istituto riguardante l’efficienza è pari all’1,3%. La Fisac CGIL, da sempre contraria a questa sorta di “prelievo forzoso”, non può che constatare come la decurtazione per tutti i dipendenti non solo riduce annualmente la già contenuta efficienza aziendale, ma soprattutto alimenta false speranze nei colleghi “post ‘93”di avvicinarsi significativamente al trattamento degli “ante ‘93”. Speranze che, ribadiamo avrebbero avuto un solido fondamento se si fosse adottata la soluzione proposta dalla Fisac CGIL (Leggi);
  •  la seconda è l’idea, sempre da parte Banca, di strutturalizzare lo 0,2% di ciò che rimarrebbe, a patto che ci sia un nuovo congelamento delle rivalutazioni del trattamento di missione anche per il triennio 2019/21. Una richiesta che dimostra – ancora una volta – che i soldi ci sono solo se sono i Lavoratori a metterceli.

 DIVISIONI DELOCALIZZATE DI VIGILANZA

Per i colleghi delle DDV di Cuneo, Vicenza e Udine, la Banca ha dichiarato di accogliere la proposta di rispettare il percorso professionale dei singoli Lavoratori.

Si tratta di un avanzamento per la prosecuzione della trattativa.

Anche la dichiarazione apertamente favorevole all’accoglimento di ogni eventuale richiesta di telelavoro è senz’altro un passo gradito ai Lavoratori.

E’ altresì emersa la disponibilità della Banca ad accettare una complessiva revisione delle modalità di svolgimento del telelavoro e del lavoro delocalizzato, come chiesto negli incontri precedenti dalla Fisac CGIL.

Tutto ciò potrà avvenire con una nuova trattativa, da effettuarsi in tempi molto brevi, che abbia come scopo principale anche un’ampia riflessione sull’orario di lavoro che impatti su tutto il personale.

Abbiamo invitato la Delegazione aziendale a metterla da subito in calendario.

Fortunatamente, la Banca sta finalmente convergendo verso l’idea che sia necessario dotarsi di importanti strumenti di smart working, che la Fisac CGIL da tempo cerca di portare avanti non senza difficoltà (cfr. trattativa sulle chiusure del 2015).

Il ”cronoprogramma” delle chiusure che la Banca ha prospettato ad oggi è il seguente:

1.    Entro aprile 2019 i colleghi interessati dovranno decidere tra:

–       trasferimento;

–       permanenza nella DDV;

–       adesione al telelavoro (o al delocalizzato, eventualmente);

–       adesione alle misure di accompagnamento all’uscita (per chi ne ha diritto).

2.    Settembre 2019, chiusura delle realtà che andranno, dopo le scelte dei colleghi, sotto la           soglia dei 7 addetti.

3.    Febbraio 2022, chiusura delle realtà rimaste sopra soglia.

La Banca ha anche dichiarato che la soglia fissata a 7 elementi, sotto la quale le Filiali saranno chiuse nel 2019, è necessaria per permettere lo svolgimento dell’attività in modo corretto. Secondo questa O.S. tale criterio risulta alquanto incomprensibile, viste anche le esperienze delle precedenti ristrutturazioni.

 COOMING SOON

  • Il giorno 14 novembre p.v. è prevista l’informativa su “organici e flussi di alimentazione” e “installazione tornelli”.
  • La settimana dal 19 al 23 novembre vedrà convocazioni sulla Riforma della Carriera Operativa e sul Welfare aziendale.

Roma, 9 novembre 2018

                                                                                           La Segreteria Nazionale

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *