L’editing dei contagi

In un’epoca in cui l’efficace e capillare comunicazione di massa svolge un ruolo di prim’ordine nella società, è importante essere sempre “da prima pagina”.

In questo, bisogna dire che il virus Covid-19 è pressoché imbattibile.

In questi giorni, poi, ogni TG e ogni giornale riportano, come notizia principale, quella del rialzo dei contagi, con tutti i suoi annessi effetti: premonizioni di zone rosse, arancioni e gialle, incentivi alla x dose di vaccino, potenziamenti del green pass, terapie intensive, chiusure, quarantene e compagnia bella.

Niente, insomma, sembra riuscire a sconfiggere il virus che, accompagnato dalla stagione autunnale, ci sta preannunciando l’arrivo di un inverno di pandemia, simile a quello passato.

Di diverso c’è che, in questo trend di contagi crescenti, niente sembra ancora scalfire l’imperativo del “in presenza il più possibile”.

Di certo non lo scalfisce il trillare dei messaggini che arrivano in Amministrazione Centrale sui contagi in Banca (su questo i telefonini delle Filiali continuano invece a tacere…meglio non sapere…).

A questo imperversare mediatico degli SMS-Alert però la Banca ha voluto controbattere con qualcosa di altrettanto efficace nell’apparire: un nuovo editing dei protocolli anti-Covid.

Nulla di nuovo nei contenuti, rispetto al susseguirsi di disposizioni interne, solo una bella “riedizione”.

Come dire che l’abito fa il monaco e che la forma è sostanza.

Infatti, mentre i suoi dipendenti, richiamati in servizio in massa per socializzare (e aumentare il rischio di contagiarsi), si ammalano, la Banca sceglie di fare un bel restyling dei protocolli che ha emanato a suo tempo, senza confronto con i sindacati, ma senza indietreggiare di un passo sul tema dei rientri.

Le previsioni sono spettacolari, del tipo “rispettate gli orari di mensa per evitare gli assembramenti”, mentre, con i locali aziendali pieni di gente, di assembramenti, vuoi o non vuoi, ce ne sono ovunque.

Per non parlare di quello che accade nei tragitti casa-lavoro, dove le capienze dei mezzi pubblici sono pressoché al 110% e oltre (altro che 80%).

Però, va detto, in una cosa la Banca sta agendo con efficacia: nel far guadagnare al Covid-19 la prima pagina ancora per un bel po’.

E se c’è qualcuno che teme per la propria salute…che si lavi bene e di frequente le mani.

Auspicando che, sul tema salute, non voglia iniziare a lavarsele anche la Banca.

Roma, 24 novembre 2021

La Segreteria Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *