LAVORO AGILE – Incontro del 21 settembre 2021

Il 21 settembre u.s. si è tenuto un nuovo incontro sul modello di lavoro ibrido.

L’incontro ha avuto natura prevalentemente informativa, come il precedente (VOLANTINO): la Banca ha fornito alcune delle informazioni e chiarimenti da noi richiesti, e il tavolo Unitario ha avanzato proposte ed osservazioni critiche in merito.

Siamo in una fase di studio ed approfondimento, ma non statica: prima di aprire la fase negoziale è infatti necessario, per entrambe le parti, definirne le premesse in modo coerente con gli obiettivi definiti nelle intese siglate lo scorso luglio e con i principi che le stesse hanno fissato, a partire da quello dell’inclusività.

Infatti, le intese firmate a luglio rappresentano solo la cornice all’interno della quale occorre scrivere le nuove regole sul lavoro agile in Banca d’Italia mediante la modifica dei regolamenti del personale, modifica necessaria affinché il nuovo modello possa divenire operativo ed innovare profondamente la vita dei colleghi.

Per arrivare a questo risultato, naturalmente, risulta fondamentale che venga definito compiutamente l’elenco delle attività, suddivise nelle tre diverse fasce in ragione del loro livello di delocalizzabilità: si tratta della premessa indispensabile per costruire un negoziato proficuo per entrambe le parti.

Questo è esattamente quanto ci sta impegnando in questo momento, e poiché molti aspetti non risultano ancora soddisfacenti abbiamo chiesto alla Banca (LETTERA) di fornire i necessari dettagli informativi prima di poter assumere qualsiasi decisione in merito al prosieguo del negoziato.

La Fisac Cgil crede in questo negoziato, che ha il compito di introdurre il lavoro agile in Banca d’Italia dopo la drammatica e destabilizzante esperienza della pandemia, e ritiene che garantire condizioni lavorative migliori per tutti, senza lasciare indietro nessuno, ne costituisca il nodo centrale.

Crediamo che questo sia anche l’interesse della Banca e della Delegazione Aziendale e confidiamo nella possibilità di un proficuo e risolutivo confronto.

Roma, 23 settembre 2021

La Segreteria Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *